Menu

Guillermo Del Toro non è creativamente coinvolto in Death Stranding

Il regista Guillermo del Toro ha chiarito il suo ruolo nel nuovo gioco di Hideo Kojima, Death Stranding. Ha rilasciato un’intervista a IGN in cui dice di non essere coinvolto in modo creativo, anche se, come il trailer di dicembre ha mostrato, lui è un personaggio nel gioco.

“Kojima mi ha chiamato e ha detto: ‘Io voglio che tu sia un personaggio del gioco,’ e ho detto: ‘Volentieri.’ Ha discusso le sue idee in modo da capire il personaggio, ma ha spiegato che sul lato creativo lui non è stato coinvolto.

È tutta opera di Kojima“, Del Toro ha aggiunto. “Penso che sarà un gioco fantastico, al 100%. Ma Death Stranding è il prodotto delle sue idee. Sono solo un burattino nelle sue mani. Il mio contributo è limitato all’essere una sorta di cheerleader per le sue idee. Questo è tutto. “

Death_StrandingDel Toro non è l’unica persona famosa in Death Stranding. L’attore di The Walking Dead, Norman Reedus, è il personaggio principale, mentre l’attore danese di Hannibal, Mads Mikkelsen, interpreterà la parte del cattivo.

Guillermo Del Toro ha aggiunto che lui e Kojima, in passato, si erano impegnati a lavorare insieme in un progetto comune. Death Stranding è stata l’occasione giusta per farlo. Partendo da questo punto, Del Toro ha voluto ritornare anche sulla questione Silent Hills.

I due stavano lavorando insieme su Silent Hills prima che fosse annullato, cosa per cui Del Toro esprime ancora il suo malcontento. Silent Hills non è stato il primo progetto di videogioco a cadere a pezzi ad aver coinvolto il regista de Il Labirinto del Fauno. Infatti, il regista messicano stava lavorando su un gioco horror chiamato Insane con l’editore THQ, ma non è mai realizzato, in parte a causa del fallimento della società. Dopo essersi bruciato due volte, Del Toro ha detto di non avere intenzione di provare a realizzare un nuovo videogioco tutto suo.

“Ho dimostrato di essere l’albatro dei videogiochi”, ha detto. “Sono entrato THQ e THQ fallisce. Mi unisco Kojima e Kojima lascia Konami. Ho deciso, per non distruggere chiunque altro, di non essere più coinvolto nei videogiochi. In caso contrario, mi unirò a qualcuno e la sua casa esploderà, o qualcosa del genere.”

fonte: Gamespot

Laureato in Lettere Moderne, appassionato di videogiochi ormai da tanto, troppo tempo. Il suo genere preferito è il survival horror. Adora la saga di Silent Hill

Laureato in Lettere Moderne, appassionato di videogiochi ormai da tanto, troppo tempo. Il suo genere preferito è il survival horror. Adora la saga di Silent Hill

No comments

Lascia una risposta

Da non perdere

Intervista a Daniele Fabbri

Non dimenticare nulla di importante