Menu

The Terrible Old Man, il racconto di Lovecraft diventa punta e clicca

Letteratura e videogiochi hanno trovato spesso punti di incontro. Basti pensare, tra gli altri, alla saga di Metro, tratta dai romanzi di Dmitrij Gluchovskij, e a The Witcher, serie di action rpg ispirata ai libri della Saga di Geralt di Rivia del polacco Andrzej Sapkowski. Ma i classici? Quelli forse sono stati meno toccati dal mondo dei videogiochi. Gli appassionati di horror e storie fantastiche hanno sicuramente sul comodino antologie di racconti dei propri scrittori preferiti. Horror d’altri tempi, come quello di H.P. Lovecraft.

Lo scrittore americano non è nuovo nel mondo dei videogiochi. Il suo sconfinato universo è stato più volte ripreso dall’industria videoludica del genere. Nel 2005, Headfirst Production porta su PC e Xbox Call of Cthulhu: Dark Corners of the Earth, videogioco in prima persona ispirato a Il richiamo di Cthulhu, La maschera di Innsmouth e altri lavori di Lovecraft. All’E3 2016 è stato presentato Call of Cthulhu, avventura di Frogwares che uscirà su PC e console.

Questi, però, sono giochi abbastanza famosi, ma ne esistono altri che invece non sono riusciti ad uscire dall’anonimato. Uno di questi è The Terrible Old Man, punta e clicca indie sviluppato da Cloak and Dagger Games. Il gioco è tratto dall’omonimo racconto di Lovecraft (Il terribile vecchio) scritto nel 1920 e pubblicato l’anno dopo su The Tryout e riproposto nel 1926 su Weird Tales, un magazine statunitense di racconti horror e fantastici.

The Terrible Old Man, racconto breve sulla sete di denaro

 

Il racconto breve Il terribile vecchio, e di conseguenza il gioco da cui è tratto, vede protagonisti tre banditi: Angelo Ricci, Joe Czaneck e Manuel Silva. I tre hanno deciso di derubare un anziano abitante di Kingsport che, secondo i racconti degli abitanti del luogo, avrebbe nella propria abitazione un tesoro inestimabile. Il vecchio fu comandante di un veliero mercantile delle Indie Orientali, difficilmente immaginabile vedendolo adesso decrepito e solo nella sua modesta casa.

Su quell’anziano, però, girano anche altre voci inquietanti. Chi è riuscito a scrutare la sua presenza in quella casa isolata dal resto della città, dice di aver osservato comportamenti strani da parte sua. Ad esempio, sembra che abbia l’abitudine di parlare con delle bottiglie a cui ha dato anche dei nomi. Nonostante questi racconti, i tre ladri, troppo accecati dalla loro bramosia, decidono di far visita al vecchio per rubargli il tesoro. Un lavoro facile e pulito. Cosa potrebbe mai andare storto? Lo scopriranno sulla loro pelle.

I tre banditi protagonisti cercano informazioni per arrivare al vecchio

I tre banditi protagonisti cercano informazioni per arrivare al vecchio

Un punta e clicca fedele al racconto

 

Il videogioco è un classico punta e clicca in cui verrà richiesto di interagire con l’ambiente e gli altri personaggi per risolvere enigmi e estorcere informazioni. Il termine estorcere è più che giusto visto che in The Terrible Old Man vestiamo i panni di uno dei tre banditi (potremo interagire anche con gli altri due). All’inizio, infatti, i tre manigoldi non sapranno nulla su questa faccenda. L’obiettivo sarà interrogare gli avventori di una taverna di Kingsport senza manifestare le nostre vere intenzioni, cioè fare la festa all’anziano ex comandante. Una volta attinte le informazioni, sarà la volta del colpo vero e proprio che ci vede impegnati nel tentativo di entrare con l’inganno nella casa del vecchio.

Il gioco è molto fedele al racconto. Le singole scene riprendono piccole parti della storia scritta, i dialoghi ripropongono parti testuali della prosa dell’opera di Lovecraft. Alla fine del gioco vengono anche inseriti, a mo’ di epilogo, stralci del racconto. L’atmosfera è molto ben ricreata grazie a una grafica disegnata interamente a mano. Giocare a The Terrible Old Man è piacevole e rilassante, nonostante i temi trattati, ma gli sviluppatori hanno saputo anche ricreare quella freddezza e crudezza delle immagini presenti nel racconto breve. L’intero titolo sembra un disegno fatto a matita e poi colorato.

Nella taverna i colori appaiono più vividi e caldi, a simulare un’apparente calma, una serata tranquilla in compagnia di amici e dei boccali di birra. Nella scena notturna fuori dall’abitazione del vecchio, la palette dei colori diventa fredda e distaccata.

Un omaggio ben riuscito

 

È ora di fare il colpo

È ora di fare il colpo

The Terrible Old Man è un gioco sfizioso e fatto con una passione ben evidente. Come abbiamo detto, Il gioco è molto fedele al racconto, questo si ripercuote anche sulla longevità. Un racconto breve ispira, in questo caso, un gioco breve che tiene impegnati per circa 15-20 minuti. Il titolo indie, inoltre, non presenta un alto grado di difficoltà. Basterà parlare con i personaggi giusti, usare i pochi oggetti collezionabili durante l’avventura e il gioco è fatto.

L’obiettivo di Cloak and Dagger Games con The Terrible Old Man non era certo quello di sviluppare il gioco definitivo sull’universo di  Lovecraft, ma quello di omaggiare un maestro della letteratura. Possiamo dire che l’obiettivo è riuscito. Chi volesse provare questo indie può farlo gratuitamente scaricandolo da Gamejolt cliccando qui. Il titolo è godibile anche per chi non è un appassionato di H.P. Lovecraft, infatti, si tratta di un punta e clicca con tutti i crismi, molto semplice nella sua risoluzione. Consigliamo, però, a chi non l’avesse fatto di leggere il racconto prima di iniziare il gioco, così da fruire in maniera completa dell’ottimo lavoro fatto da Cloak and Dagger Games. Il racconto può essere letto cliccando qui.

 

Laureato in Lettere Moderne, appassionato di videogiochi ormai da tanto, troppo tempo. Il suo genere preferito è il survival horror. Adora la saga di Silent Hill

Laureato in Lettere Moderne, appassionato di videogiochi ormai da tanto, troppo tempo. Il suo genere preferito è il survival horror. Adora la saga di Silent Hill

No comments

Lascia una risposta

Da non perdere

Intervista a Daniele Fabbri

Non dimenticare nulla di importante