Menu

Resident Evil 7 regalerà le stesse emozioni del primo

La visuale in soggettiva e un’atmosfera generale più vicina a Silent Hill che a Resident Evil hanno fatto sorgere alcuni dubbi ai fans della saga. È pur vero che ciò che abbiamo visto nei trailer e nella demo regala sensazioni molto più orrorifiche rispetto agli ultimi capitoli della serie. Non è forse questo che si chiedeva? Un ritorno alle origini. Pare che questo ritorno alle origini ci sarà davvero, seppur con delle sostanziali differenze.

Masochika Kawata, produttore del gioco, ai microfoni di YugaTech ha risposto proprio a questa crescente curiosità sul Resident Evil 7. Il titolo, secondo Kawata, avrà lo stesso feeling del primo capitolo, uscito nel 1996:

“Resident Evil 1… non il remake. Perché è stato il primo titolo a gettare le basi del genere, a significare qualcosa di nuovo. Volevamo catturare lo stesso feeling. Per esempio, quando hai a che fare con un remake, devi occuparti di “rifiniture”, di costruire su basi già esistenti. Per il primo Resident Evil, si è trattato di costruire qualcosa dalle fondamenta”.

Resident Evil 7 è atteso per il 24 gennaio 2017 su Playstation 4, Xbox One e PC. Sarà possibile anche acquistare una Collector’s Edition ricca di contenuti. Essa, in Europa, potrà essere reperita solo da Gamestop. La Collector’s Edition di Resident Evil 7 contiene tutto questo ben di Dio:

  • Una replica molto dettagliata della villa della Famiglia Baker alta 17 cm.
  • Artbook del 20esimo Anniversario di Resident Evil.
  • Pendrive “Dito del manichino” USB da 16GB.
  • 5 Litografie con artwork estratti da Resident Evil 7.
  • Una copertina alternativa per la copia del gioco.
  • Il DLC “Pack sopravvivenza: set Action”, che comprende una serie di utili materiali di consumo, una misteriosa moneta fortunata e lo sblocco immediato dell’impostazione “difficoltà Manicomio”.
  • Confezione Premium.

 

Resident Evil 7 Collector's Edition

fonte: mondofox

Laureato in Lettere Moderne, appassionato di videogiochi ormai da tanto, troppo tempo. Il suo genere preferito è il survival horror. Adora la saga di Silent Hill

Laureato in Lettere Moderne, appassionato di videogiochi ormai da tanto, troppo tempo. Il suo genere preferito è il survival horror. Adora la saga di Silent Hill

No comments

Lascia una risposta

Da non perdere

Intervista a Daniele Fabbri

Non dimenticare nulla di importante