Menu

I 18 quintilioni di pianeti di No Man’s Sky occupano solo 6 GB

No Man’s Sky, un gioco che è salito alla ribalta da quando il suo sviluppatore ha affermato che il suo gioco avrebbe potuto vantare 18 quintilioni di pianeti da trovare ed esplorare, occupa solo 6 GB di dati su disco Blu-ray della PlayStation 4.

Tale cifra è stata fornita da Sean Murray, ideatore di No Man’s Sky, sviluppatore di Hello Games e programmatore. La quantità di GB sembra davvero irrisoria e incoerente con la vastità promessa nel gioco, ma è proprio così. Su Twitter, Murray ha spiegato, inoltre, che gran parte dei 6 GB è in realtà rappresentato da solo audio.

pianeti di no man's sky

Il tweet di Sean Murray

Questo dato è probabilmente stato raggiunto grazie al fatto che gran parte del contenuto in No Man’s Sky è generato proceduralmente, il che comporta una minore quantità di spazio occupato su disco. Senza dubbio non si tratta di magia nera. Tutti i pianeti saranno generati casualmente e ogni giocatore troverà ambienti completamente diversi da quelli scovati dagli altri viaggiatori spaziali. Una volta abbandonato un pianeta, questo verrà cancellato dalla memoria, consentendo di non occupare spazio permanente su disco.

Proseguendo, Murray ha rivelato su Twitter che No man’s Sky ha la certificazione in Europa, Stati Uniti e Asia. È attualmente in fase di presentazione per la certificazione in Giappone.

Inoltre, lo studio è “già impegnato sull’Aggiornamento 1″ per il gioco di esplorazione spaziale. Dettagli su ciò che includerà non sono stati discussi.

No Man’s Sky è entrato in fase gold il 7 luglio e Hello Games ha festeggiato con un selfie.

pianeti di no man's sky

Selfie di Hello Games per festeggiare l’entrata in fase gold

No Man’s Sky è previsto per il lancio il 9 Agosto in Nord America, seguito entro il 10 agosto in Europa, e il 12 agosto nel Regno Unito. Hello Games ha recentemente risolto, oltretutto, una battaglia legale di tre anni sulla parola Sky che è parte integrante del nome intero, consentendo al titolo di rimanere lo stesso.

fonte: Gamespot

Laureato in Lettere Moderne, appassionato di videogiochi ormai da tanto, troppo tempo. Il suo genere preferito è il survival horror. Adora la saga di Silent Hill

Laureato in Lettere Moderne, appassionato di videogiochi ormai da tanto, troppo tempo. Il suo genere preferito è il survival horror. Adora la saga di Silent Hill

No comments

Lascia una risposta

Da non perdere

Intervista a Daniele Fabbri

Non dimenticare nulla di importante