Menu

God of War rinasce su PS4: Kratos is d(e)ad?

Un’impresa titanica. Titanica quanto lo sterminio degli Dei dell’Olimpo. Come definire altrimenti la sfida accettata con passione da Sony Santa Monica con l’ideazione del nuovo God Of War? God of War rinasce su PS4, ma qualcosa è cambiato.

La saga di Kratos, per buona pace di tutti, è un capolavoro senza tempo. Il terzo capitolo uscito su PS3 ne è stata la degna conclusione per trama, grafica ed epicità. Unica cosa che si poteva effettivamente recriminare al titolo fu l’estrema somiglianza del gameplay con quello dei predecessori: non si parla dei cinematografici e spettacolari Quick Time Events sia chiaro, quanto della struttura hack n’ slash che oltre ad una maggiore fluidità dei move set iniziò a mostrare i segni del tempo.

Ascension fu un buon gioco ma anche l’ulteriore prova che, a meno di grandi cambiamenti, le avventure del “badass” Spartano avevano detto davvero tutto. Da qui l’enorme scetticismo di chi scrive, quando venne annunciato l’effettivo sviluppo di un nuovo capitolo di God Of War. Come sarebbe dovuto essere? Quali gli spunti di trama? Il rischio di more of the same era altissimo così come il pericolo di trovarsi di fronte ad un gameplay non più al passo coi tempi. Le moltissime preoccupazioni sono volate come polvere disseminata nell’aere da violente sferzate di vento nordico, proprio ieri sera. Ecco perché.

God of War rinasce su PS4, ma come?

 

Sony, c’è poco da dire, ha fatto una conferenza stellare. Niente trailer in Computer grafica, niente personaggi bizzarri o figure da Sanremo alla Electronic Arts. Un’orchestra magistralmente diretta, ha iniziato a raccontare con la musica il nuovo setting di God Of War ed il cambiamento di Kratos, il guerriero spartano che fu. Una demo pad alla mano ci ha introdotto proprio la figura del nostro eroe che è sul punto di partire per una battuta di caccia assieme al figlio. Gli anni sono passati, l’uomo col potere di uccidere un Dio è invecchiato, ma ben visibili sono le cicatrici interiori che porta al suo interno. Come fosse il vaso di Pandora, Kratos ha racchiuso dentro di sé l’antica rabbia che lo spinse a massacrare gli Dei dell’Olimpo, status che gli ha permesso di costruirsi una nuova famiglia.

Gli ambienti sono maestosi, Uncharted 4 sembra essere stato superato ma la cosa che balza più all’occhio è proprio la totale rivisitazione del gameplay. Un gameplay molto più ragionato, che non fa a meno dei Quick Time Events, ma che porta la saga nel 2016. Basta combo chilometriche e su di giri, ogni colpo viene sferrato con grande sforzo, il peso dell’enorme ascia con poteri magici è evidente, cosi come la potenza fisica del guerriero cinereo. Il design dei nemici è rimasto impareggiabile cosi come le sequenze scriptate.

È giunta l’era di un nuovo inizio e noi non stiamo più nella pelle: far evolvere una saga con 11 anni sulle spalle senza snaturarla sembrava un’opera impossibile, i Santa Monica sembrano avercela fatta. Resta da capire se il gioco vanterà elementi ruolistici e una struttura semi open world. Una conferenza così strutturata è stata si un tripudio di emozioni, ma ha lasciato poco spazio per il chiarimento di questi dubbi. Restate con noi per saperne di più.

Giuseppe Donte Carrabba
Chiamato “Donte” per la rivisitazione satirica della Divina Commedia al Liceo. Fondo in quel periodo la C&C Production , gruppo di cortometraggi indipendente assieme al mio amico Carlo. Finita la scuola, scelgo il percorso artistico frequentando e laureandomi all’Accademia di Belle Arti di Napoli in Cinema. Oggi sceneggio cortometraggi, scrivo di e recensisco videogiochi su Nerd Monday e sono impegnato in vari progetti youtube come 3GamersaCaso e The Gentlemen.
Penso che un periodo incerto come quello che stiamo vivendo sia esattamente il migliore per puntare tutto sui propri sogni!

Giuseppe Donte Carrabba
Chiamato "Donte" per la rivisitazione satirica della Divina Commedia al Liceo. Fondo in quel periodo la C&C Production , gruppo di cortometraggi indipendente assieme al mio amico Carlo. Finita la scuola, scelgo il percorso artistico frequentando e laureandomi all'Accademia di Belle Arti di Napoli in Cinema. Oggi sceneggio cortometraggi, scrivo di e recensisco videogiochi su Nerd Monday e sono impegnato in vari progetti youtube come 3GamersaCaso e The Gentlemen. Penso che un periodo incerto come quello che stiamo vivendo sia esattamente il migliore per puntare tutto sui propri sogni!

No comments

Lascia una risposta

Da non perdere

Intervista a Daniele Fabbri

Non dimenticare nulla di importante