Menu

Fifa 16 vince il Drago d’oro come videogioco più venduto

Nel corso del Drago D’oro 2016, manifestazione italiana in cui si assegnano vari premi ai migliori videogiochi pubblicati nel corso dell’ultimo anno e che ha visto trionfare The Witcher 3 come gioco dell’anno, il premio di videogioco più venduto è andato a FIFA 16.

Il simulatore di calcio di Electronic Arts quindi per il secondo anno consecutivo risulta essere il titolo più acquistato, nonostante le varie critiche di chi afferma che le poche novità apportate di anno in anno non giustificano l’acquisto annuale del gioco.

Perché Fifa è così popolare?

 

Tra i motivi di questi successi vi è naturalmente la grande diffusione del calcio, sport più seguito nel mondo, che giustifica la grande popolarità di FIFA rispetto agli altri sportivi, nonostante in questa categoria i titoli non manchino, anzi ce ne siano di ottimi, tra cui molti della stessa EA Games.

Ma FIFA è anche il leader indiscusso nella categoria dei giochi di calcio, in quanto negli ultimi anni viene preferito dalla maggior parte dei videogiocatori rispetto a PES, suo maggior rivale, anche se il gioco di Konami sembra recuperare terreno negli ultimi tempi.

Fifa-16-confronto-Pes-2016

Indubbiamente il suo grande punto di forza è il gameplay che risulta essere, anno dopo anno, sempre più realistico grazie all’Ignite Engine, che ha debuttato due anni fa con FIFA 14, considerando che quest’anno dal punto di vista grafico è stato fatto semplicemente un lavoro di rifinitura al già ottimo prodotto. Dal punto di vista del gioco invece, l’azione appare più ragionata a centrocampo, il gioco è stato reso più difensivo, mentre i cross ed i passaggi sono stati migliorati.

Tra le novità di quest’anno inoltre troviamo le donne, infatti sono state introdotte per la prima volta le nazionali di calcio femminili, una bella novità che magari non ha entusiasmato i videogiocatori più accaniti, ma ha catturato una buona parte di videogiocatrici, fan di questo sport.

La modalità Ultimate Team

 

La modalità FUT, grande punto di forza di FIFA, è indubbiamente la più giocata. L’Ultimate Team consiste nel creare una squadra con i propri giocatori preferiti, acquistandone le carte dove sono indicate statistiche e caratteristiche, cercando di creare la massima intesa scegliendo giocatori della stessa squadra o nazionalità.

Una volta creata la propria squadra è possibile disputare tornei e campionati, offline (contro la CPU) o online, ed è proprio in multiplayer online che i giocatori preferiscono misurarsi con avversari sempre più forti avanzando di categoria nei campionati. Inoltre quest’anno la grande novità del FUT è la modalità Draft che consente di pagare 15 mila crediti e creare una squadra con la quale è possibile disputare alcune partite, in base alla propria abilità, e successivamente la rosa verrà eliminata e sarà necessario crearne una nuova. Questa nuova modalità consente ai giocatori che sono all’inizio, i quali non possiedono molti crediti per creare una rosa molto competitiva, di sfidare avversari forti per alcune partite e guadagnare crediti per formare il team definitivo.

fifa 16 vince il drago d'oro

I motivi per i quali FIFA continua ad essere il videogioco più venduto sono tanti, la grande diffusione del calcio, il favore degli utenti rispetto a PES, il gameplay sempre più realistico e la modalità Ultimate Team. Tuttavia per mantenere la leadership delle vendite nei prossimi anni i giocatori si aspettano novità più significative ed aggiornamenti al motore grafico più consistenti, altrimenti alcuni potrebbero non considerare l’acquisto annuale del titolo.

Con la speranza che Electronic Arts continui a lavorare bene su FIFA, non rimane che congratularsi con la software house americana per il successo di questo gioco e sperare nel lavoro di Konami che potrebbe nei prossimi anni diventare leader dei giochi di calcio, come lo è stata in passato, ovviamente con Pro Evolution Soccer.

Pierpaolo Menga
Studente di Informatica all’Università di Bari, grande appassionato di tecnologia e videogames. Generi preferiti: sportivi, sparatutto ed action-adventure.

Pierpaolo Menga
Studente di Informatica all'Università di Bari, grande appassionato di tecnologia e videogames. Generi preferiti: sportivi, sparatutto ed action-adventure.

No comments

Lascia una risposta

Da non perdere

Intervista a Daniele Fabbri

Non dimenticare nulla di importante