Menu

Oculus Rift: comprarlo o no?

È notizia di qualche giorno fa l’annuncio della messa in vendita della prima versione dell’Oculus Rift dedicata ai consumatori; la cosa che ha destato più clamore tra la gente è stato il prezzo finale, non 399$ come si pensava inizialmente ma bensì di 599$, in euro 699 (spese di spedizione escluse). L’ulteriore eventuale spesa potrebbe avvenire per chi non soddisfa i requisiti minimi per far girare al meglio L’Oculus. Qui in basso ve li riportiamo:

  • Scheda Video: Nvidia 970/AMD R9 290 o modelli superiori
  • Processore Intel i5-4590 o superiore
  • Memoria RAM dai 8 GB in su
  • 3 porte USB 3.0 + 1 porta 2.0
  • Sistema operativo da Windows 7 SP1 64 bit ai più recenti

Oculus Rift: comprarlo o no?

 

Oculus Rift verrà spedito in: Australia, Belgio, Canada, Danimarca, Finlandia, Francia, Germania, Giappone, Islanda, Irlanda, Italia, Olanda, Nuova Zelanda, Norvegia, Polonia, Spagna, Svezia, Taiwan, Regno Unito e USA e arriverà solo ad Aprile. Il kit conterrà in primis il visore che ha integrato: cuffie surround e microfono, due display OLED ciascuno con risoluzione 1080×1920 per una risoluzione totale di 2160×1200. Sempre nella valigetta troveremo un controller standard per Xbox One mentre a sorpresa sarà presente l’Oculus Remote, ovvero un dispositivo ideato per poter navigare nello store di Oculus, utile per chi con il controller non è molto pratico. Elencati tutti i dettagli riguardante il kit arriviamo alla questione. Oculus Rift: comprarlo o no?

Il ragionamento che può fare un utente è quello del troppo dispendio di soldi sia per il kit in sé, sia per pareggiare la configurazione del proprio pc se al momento non soddisfa le caratteristiche richieste, visto che comunque stiamo parlando di una cifra molto alta. Altro aspetto negativo sono i contenuti, perché la maggior parte dei titoli inizialmente saranno indie o perlopiù demo di prova che sfrutteranno le maggiori funzioni dell’oculus. Non ci si può aspettare, dunque, da subito un gran numero di titoli ben fatti o dei più grandi sviluppatori perché la realtà aumentata ora è una scommessa avvincente, a cui si aggregheranno altri come HTC, Samsung, Sony ecc.

La parte positiva, però, è che finalmente si potrà mettere mano a questo visore che tanto si era atteso negli scorsi anni, la sua esperienza di gioco è davvero unica al momento, finalmente ci potremmo proiettare in un futuro tanto atteso. Dunque un fattore positivo “potenziale”, legato al proprio hype.

E voi come giudicate questo visore? Giusto il prezzo o costa troppo per i pochi contenuti che ha da offrire per ora?

Luca Ferletti
Amante del mondo dei videogiochi sin da bambino, ha poi ampliato la sua passione nel mondo all’ informatica. Sparatutto e simulatori di calcio i suoi generi prediletti.

Luca Ferletti
Amante del mondo dei videogiochi sin da bambino, ha poi ampliato la sua passione nel mondo all' informatica. Sparatutto e simulatori di calcio i suoi generi prediletti.

No comments

Lascia una risposta

Da non perdere

Intervista a Daniele Fabbri

Non dimenticare nulla di importante