Menu

Film World Of Warcraft: The skies of Azeroth

Preparati per una spettacolare visione del film World Of Warcraft: The skies of Azeroth. Sali a bordo del grifone e vola sui cieli di Azeroth: il pericoloso e bel reame fantasy

 

film world of warcraft the skies of azeroth

Annuncio del Film World of Warcraft: The skies of azeroth

 

Queste sono le parole presenti sul sito di Legendary VR, con tanto di video allegato, parole che molto probabilmente faranno contenti milioni e milioni di persone che aspettavano questo film da diversi anni. Qui il video:

Il video anteprima del film World of Warcraft: The skies of Azeroth mostra la città di Stormind – purtroppo conosciuta dai giocatori di oggi come Roccavento – dalla sella di un grifone. Purtroppo il video, oltre a mostrarci il potenziale grafico del film, non parla assolutamente della trama. Ovviamente dagli unici frame presi dal video della città di Stormwind possiamo notare che essa non è distrutta, ergo, la storia potrebbe essere ambientata o prima di Cataclysm o dopo. Inoltre la parte sinistra della città, mostrata al secondo 0.32 del filmato, mostra una zona che dopo Cataclysm non c’è più. Quindi, presumibilmente, il film World of Warcraft: The skies of Azeroth sarà ambientato prima dell’espansione The Wrath Of The Lich King, purtroppo queste sono solo supposizioni. Ma quando uscirà il film?

Quando uscirà il film World of Warcraft: The skies of Azeroth?

 

Sempre sul sito di Legendary VR troviamo la scritta: Nei cinema a Giugno 2016. Questo ci fa capire che il film World Of Warcraft: The skies of Azeroth uscirà nelle sale americane nelle prime settimane di Giugno 2016. Ovviamente l’hype sarà così grande che riesco ad immaginare subito una versione sottotitolata del film.

Daniel Russo
Appassionato di programmazione e problem solving in ogni sua sfaccettatura. È convinto che l’arte sia una forma celata di estremo rigore e formalità. Pertanto la programmazione è arte per definizione.

Daniel Russo
Appassionato di programmazione e problem solving in ogni sua sfaccettatura. È convinto che l'arte sia una forma celata di estremo rigore e formalità. Pertanto la programmazione è arte per definizione.

2 comments

  1. Tiguan Tigex82 scrive:

    perchè non fare un vero è proprio film con attori veri? dai ma non puoi farmi una fotocopia del videogame.

Lascia una risposta

Da non perdere

Intervista a Daniele Fabbri

Non dimenticare nulla di importante