Menu

Pokemon iniziale: Charmander, Squirtle o Bulbasaur?

Nell’articolo di oggi parleremo di una delle scelte più famose nel mondo dei giocatori: con che starter iniziare un’avventura nel mondo dei pokèmon? Sebbene ognuno abbia la sua personalissima risposta, pensate che la vostra scelta sarebbe la medesima degli altri? La pagina Facebook Psicologia dei videogiochi ha condotto una piccola ricerca partendo dalla domanda: qual è il pokemon iniziale di prima generazione che preferite? Eccovi i risultati del sondaggio:

 

pokemon iniziale

Pokemon iniziale più votato

Come potete ben notare, a vincere il nostro sondaggio è stato Charmander, lo starter di fuoco. Ma come mai la piccola lucertola ha ottenuto tanto successo?

 

Pokèmon iniziale: il riferimento agli animali

 

Un primo motivo di tale successo va sicuramente ricondotto alle associazioni che questi piccoli pokèmon richiamano con alcuni rappresentanti del regno animale. Sì, perché Charmander è pur sempre un piccolo draghetto, o una lucertola se preferite; Squirtle una tartaruga e Bulbasaur una rana. Dunque tra le tre bestiole cosa scegliereste? Diciamocelo, un draghetto sputa fuoco stuzzica la fantasia di molti. Anche perché di tartarughe e rane ne è pieno il mondo. Mentre di draghi ne sono piene le leggende, i film e i videogiochi. Insomma, non c’è proprio paragone. Inoltre non dimentichiamo l’aspetto evolutivo: Charmander diventa Charizard, quello che tra i tre ha sicuramente l’aspetto più accattivante.

La scelta dell’elemento: fuoco, acqua ed erba

 

Quando scegliamo uno starter, però, non lo facciamo esclusivamente in base al suo aspetto. Già, perché la piccola creatura che sceglieremo non sarà solo un semplice compagno di viaggio, bensì un alleato in battaglia. Per cui tale scelta dev’essere ponderata anche in funzione dell’apporto che essi possono dare in una sfida. Qui entra in gioco il fattore elementale. Si perchè ogni pokèmon iniziale è collegato ad un elemento diverso: Charmander è un pokèmon di fuoco, Squirtle d’acqua e Bulbasaur d’erba. Questo comporterà strategie di gioco e di combattimento ben differenti. Ma sospendiamo temporaneamente la questione funzionale per ragionare prima sulle associazioni che questi tre elementi portano con sé. Dire fuoco, acqua ed erba, per le rappresentazioni simboliche che ha la nostra mente, comporta associazioni molto differenti. Anche qui non sorprende come sia il fuoco l’elemento più gettonato. Tale elemento infatti è spesso associato alla distruzione, all’indomabilità e alla potenza. Pensate ad un incendio. L’acqua invece sebbene possa essere ricondotta anch’essa a fenomeni estremamente potenti e distruttivi (come un’inondazione) è più facilmente correlata alla calma e alla pace. Il nuoto, il mare e la pioggia sono tendenzialmente le immagini più evocative di tale elemento. Infine c’è l’erba, elemento difficilmente collegabile a dinamiche di forza (e dunque di combattimento), ma spesso associato al benessere complessivo e alla natura. Questo spiega in parte, a mio giudizio, la bassa percentuale di votanti che scelgono Bulbasaur. Come potrei combattere usando l’erba? Provocando negli avversari un’allergia al polline? Difficile immaginarlo, dunque meglio virare su una scelta più “chiara”.

Scelte strategiche: bilanciare il proprio team in funzione del pokemon iniziale

 

Non dimentichiamo l’aspetto logico/strategico. Perché comunque la domanda del sondaggio non esclude che la gente abbia giocato più volte e poi scelto quello con cui si sono trovati meglio. Dunque riprendiamo il discorso sulla funzionalità sospeso prima: scegliere un pokèmon specifico significa propendere per determinate strategie di gioco. Insomma se prendo un Charmander difficilmente avrò in squadra un Ninetales o un Arcanine; scegliendo uno Squirtle escluderei i vari Kingler o Lapras e portando con me un Bulbasaur diventano obsoleti pokèmon come Vileplume e Victreebel. D’altronde non siamo mica pigliamosche, no? Mica possiamo avere una squadra di un solo tipo. Quindi è bene considerare che la scelta iniziale ne esclude altre. Inoltre, vi sono altri aspetti funzionali da considerare: innanzitutto scegliere un Charmander può complicare non poco il percorso iniziale (nel quale sono disponibili solo poche specie di pokèmon), poiché affrontare Brock e Misty non è scontato con un elemento fuoco, contrariamente a come sarebbe portando con sé Squirtle o Bulbasaur. Questa difficoltà tutta via si traduce in un incremento di allenamento con conseguente aumento di livello di propri pokèmon, vantaggio che potrebbe rivelarsi importante nel procedere dell’avventura. Non dimentichiamo poi che i tre piccoli starter potranno imparare degli MN. Nello specifico Charizard potrà usare Forza e Taglio (e volo nelle menti dei sognatori), Blastoise Surf e Forza e Venosaur Taglio e Forza. Questo elemento fondamentale è da integrare nella composizione della squadra, dunque qualsiasi giocatore esperto ne tiene sicuramente conto. Infine una piccola considerazione sui pokèmon d’erba, che spiega in parte il basso risultato ottenuto. Essi non sono estremamente necessari in una squadra, un pokèmon elettro infatti oltre ad essere efficace contro gli elemento acqua, consente anche di sconfiggere i volanti. Mentre per i terra e roccia (altro elemento contro cui erba è vantaggioso) possono essere battuti con l’ausilio di un acqua (fondamentale per la questione Surf). Dunque capirete come l’erba diventa un elemento opzionale, poco conveniente come scelta iniziale.

Se volete partecipare ai prossimi sondaggi seguiteci sulla nostra pagina Facebook!

Gabriele Barone
Laureato in psicologia e appassionato di videogiochi, è uno degli amministratori del blog psicologia dei videogiochi.

Gabriele Barone
Laureato in psicologia e appassionato di videogiochi, è uno degli amministratori del blog psicologia dei videogiochi.

3 comments

  1. Carlito92 scrive:

    Vero, anche io preferisco Charmander, anche per il colore, più guerrigliero, le sue evoluzioni poi sono fortissime

  2. Anonimo scrive:

    Complimenti, davvero un ottimo lavoro! Mi piace l’idea di analizzare la psicologia dei giocatori per comprendere la ragione della scelta di un Pokémon iniziale. In effetti anche io ho sempre scelto Charmander! Perché il fuoco é l’elemento che più mi attira e perché ho sempre avuto una passione per il fantasy e per i draghi! E Charizard ha l’aspetto di un drago, mi ricorda Smaug del libro “Lo Hobbit” di Tolkien!

Lascia una risposta

Da non perdere

Intervista a Daniele Fabbri

Non dimenticare nulla di importante