Menu

Dishonored 2 e The Evil Within 2 all’E3?

A giugno di quest’anno, Bethesda Softworks terrà la sua prima conferenza all’E3. Da Bethesda ci si aspetta sempre il botto (chi ha detto Fallout 4?). L’hype dei giocatori, però, può essere stuzzicato anche in tanti altri modi. Bethesda, infatti, ha pubblicato un’immagine dedicata all’E3 che inizia già a far discutere. Nella foto vengono mostrati alcuni personaggi dei giochi prodotti dal publisher. Durante la conferenza si parlerà di Wolfenstein, di Doom, di Dishonored e di The Evil Within.

Doom non è una sorpresa, verrà mostrato probabilmente il reboot della serie. Per Wolfenstein ci potrebbe essere l’annuncio di un titolo sulla falsa riga di “The Old Blood”. I casi eclatanti sono quelli che riguardano Dishonored e The Evil Within: Dishonored 2 potrebbe diventare realtà? Il primo e unico capitolo, per ora, è stato uno dei giochi più acclamati dalla critica e un sequel non farebbe ribrezzo a nessuno. Per The Evil Within i casi possibili sono due. Potrebbe profilarsi l’arrivo di qualche DLC, quindi, la notizia sarebbe gradita, ma non eccezionale; la seconda ipotesi ci porta a The Evil Within 2, notizia che manderebbe in visibilio gli appassionati di survival horror.

Di Fallout 4 non si sa nulla, invece. Ma la speranza è l’ultima a morire. La conferenza Bethesda potrebbe essere ricordata a lungo se tutto ciò si avverasse. Vi ricordiamo che l’E3 2015 si terrà a Los Angeles dal 16 al 18 giugno 2015.

L’immagine incriminata è questa:

bethesda e3 the evil within 2 e dishonored 2

Laureato in Lettere Moderne, appassionato di videogiochi ormai da tanto, troppo tempo. Il suo genere preferito è il survival horror. Adora la saga di Silent Hill

Laureato in Lettere Moderne, appassionato di videogiochi ormai da tanto, troppo tempo. Il suo genere preferito è il survival horror. Adora la saga di Silent Hill

2 comments

  1. Gonzalo scrive:

    Vedo posti vuoti ;-)

  2. Vincenzo Schiavi scrive:

    Magari ci fanno la sorpresa con Fallout 4

Lascia una risposta

Da non perdere

Intervista a Daniele Fabbri

Non dimenticare nulla di importante