Menu

Gabe Newell: risolti i malori da realtà virtuale

Secondo Gabe Newell, amministratore delegato di Valve, i problemi iniziali causati dall’uso dei visori per la realtà virtuale, che avevano causato cinetosi ed affaticamento della vista per numerosi utenti, saranno presto risolti con la nuova tecnologia di rilevamento del movimento.

Mentre l’interesse crescente per l’Oculus Rift, e le varianti mobile, come Gear VR, hanno innescato una enorme mole di investimenti nella realtà virtuale, alcuni consumatori ritengono che questa tecnologia crei non pochi disagi per gli occhi. John Carmack, il CTO di Oculus Rift, ha detto nel corso di un intervento al Games Developers Conference, avvenuto mercoledì scorso, che la cinetosi è stato uno delle sue più grandi paure per questa tecnologia.

“Alle persone piacciono le demo, le portano a casa, e cominciano a vomitare”, ha detto al raduno degli sviluppatori.
“Il timore è che se questi device per la realtà virtuale venisser sviluppati male, si potrebbe mandare il settore indietro agli anni ’90”, ha continuato.

Nel frattempo, in un’intervista al New York Times, Newell ha descritto alcune tecnologie VR come “le più grandi cause di cinetosi del mondo. Tuttavia, l’imprenditore sostiene che una nuova tecnologia sviluppata da Valve potrebbe essere la chiave per eliminare efficacemente i problemi di cinetosi.

Una nuova tecnologia di motion tracking, appena annunciata, che Valve distribuirà gratuitamente agli hardware partners, utilizzerà un dispositivo laser in grado di leggere la posizione di un casco VR e riprodurre i movimenti di una persona nel mondo reale con una precisione eccezionale. Questa tecnologia, chiamata Lighthouse, afferma Valve, sarà di importanza cruciale per eliminare alla radice i problemi di cinetosi.

Lo 0% dei testers ha avuto problemi di cinetosi usando i visori Valve

 

- Gabe Newell

Inutile sottolineare come queste dichiarazioni aumentino ancora di più la curiosità e l’hype su Vive, l’headset per la realtà virtuale sviluppato insieme ad HTC, che ha costituito uno degli argomenti principali della conferenza Valve tenutasi alla GDC 2015, insieme al Source Engine 2 e allo Steam Link.

Nasce a Torre del Greco nei favolosi anni 80, e scopre sin da subito le sue due grandi passioni: la musica e i videogiochi, e decide di coltivarle entrambe. Anni dopo scopre il giornalismo, e dopo aver scritto per diversi siti web, crea Nerdmonday.

Nasce a Torre del Greco nei favolosi anni 80, e scopre sin da subito le sue due grandi passioni: la musica e i videogiochi, e decide di coltivarle entrambe. Anni dopo scopre il giornalismo, e dopo aver scritto per diversi siti web, crea Nerdmonday.

3 comments

  1. Gianfranco scrive:

    Non c’è niente da fare, Gabe è avanti, ma di molto

  2. GameOver90 scrive:

    Ottimo !!!

Lascia una risposta

Da non perdere

Intervista a Daniele Fabbri

Non dimenticare nulla di importante