Menu

Spawn in Mortal Kombat X? Forse

Se NetherRealm Studios lo volesse, Spawn potrebbe far parte del roster dei personaggi giocabili di Mortal Kombat X, o almeno questo è quello che dice Todd McFarlane, creatore del personaggio.

Durante un’intervista per GameFitMagazine, McFarlane ha risposta alla domanda di un giornalista che gli chiedeva se sarebbe stato possibile, in futuro, vedere Spawn come lottatore in videogiochi come Injustice: Gods Among Us o, per l’appunto, nel prossimo Mortal Kombat.

Il creatore ha risposto alla domanda affermando che c’è una sorta di accordo che regola la presenza del suo personaggio nei videogames:

“che significa che hanno la possibilità di inserirlo nei videogame, se lo vogliono. Dipende dalla loro discrezione. Io concedo una finestra di tempo, poi lascio che siano loro a decidere cosa vogliono. In seguito, mi chiameranno al telefono. ‘Ciao, vorremmo usarlo qui, va bene?’. Beh, tecnicamente, va bene perché ci siamo già detti sì.”

Ma lo stesso McFarlane ha affermato di non sapere, nonostante lui abbia concesso questa finestra di tempo a NetherRealms Studios, se Spawn, già comparso in videogiochi come Soul Calibur 2, verrà utilizzato o meno come combattente in Mortal Kombat X.

Nasce a Torre del Greco nei favolosi anni 80, e scopre sin da subito le sue due grandi passioni: la musica e i videogiochi, e decide di coltivarle entrambe. Anni dopo scopre il giornalismo, e dopo aver scritto per diversi siti web, crea Nerdmonday.

Nasce a Torre del Greco nei favolosi anni 80, e scopre sin da subito le sue due grandi passioni: la musica e i videogiochi, e decide di coltivarle entrambe. Anni dopo scopre il giornalismo, e dopo aver scritto per diversi siti web, crea Nerdmonday.

3 comments

  1. carlo mix scrive:

    Non so a voi a me l’idea piace

    • claudio.albero scrive:

      Per me ci sono già troppi personaggi “mostruosi” in Mortal Kombat, Spawn non si “distinguerebbe” più di tanto.

  2. Riccardo scrive:

    Avrei preferito Jason di Venerdì 13…

Lascia una risposta

Da non perdere

Intervista a Daniele Fabbri

Non dimenticare nulla di importante