Menu

Eiji Aonuma ci parla del nuovo capitolo di Zelda

Il nuovo capitolo di The Legend of Zelda per Wii U è una delle esclusive Nintendo più attese di questo 2015, e, secondo le parole dello storico produttore della serie Eiji Aonuma, sarà un open world vasto nei limiti in cui la piattaforma potrà gestirlo.

“Realizzare un mondo enorme e tutto da esplorare non sarebbe possibile senza un hardware adeguato ed avanzato” ha spiegato Aonuma a Gamereactor Magazine. “Da quando abbiamo dato inizio alla serie, però, abbiamo sempre cercato di realizzare un mondo tanto vasto quanto l’hardware a nostra disposizione ci consentisse, e quindi è inevitabile dire che faremo lo stesso per il capitolo in uscita per Wii U”.

Il gioco in questione, che non ha ancora un nome specifico, e a cui noi stessi ci riferiamo come “il The Legend of Zelda per Wii U”, è stato presentato all’E3 dello scorso anno. Data l’enorme portata di ciò che fu mostrato, il nuovo capitolo della saga fu definito come un open world, ed Aonuma parzialmente contesta questa definizione, non perchè inaccurata o poco calzante, ma perchè “tutti i giochi della saga The Legend of Zelda permettevano al giocatore di esplorare un mondo di gioco immenso”.

Cos’è che distingue l’open world dei precedenti giochi da quello di questo nuovo capitolo?

“Ciò che è cambiato è il fatto che l’hardware è progredito ad un punto tale che è possibile questo immenso mondo di gioco senza soluzione di continuità, ma le fondamenta del gioco rimangono invariate”, ha spiegato Aonuma.

Insieme a Shigeru Miyamoto, Aonuma ha fornito una dimostrazione del gioco nel mese di dicembre. Lo stesso Miyamoto ha poi cercato di proporzionare le dimensioni della mappa di gioco in prospettiva con i precedenti capitoli, affermando che tutta la mappa di Twilight Princess potrebbe essere considerata come nient’altro che una singola zona del nuovo capitolo della saga, e che, quindi, ci saranno, oltre alle missioni principali legate alla trama, moltissime quest secondarie.

Nasce a Torre del Greco nei favolosi anni 80, e scopre sin da subito le sue due grandi passioni: la musica e i videogiochi, e decide di coltivarle entrambe. Anni dopo scopre il giornalismo, e dopo aver scritto per diversi siti web, crea Nerdmonday.

Nasce a Torre del Greco nei favolosi anni 80, e scopre sin da subito le sue due grandi passioni: la musica e i videogiochi, e decide di coltivarle entrambe. Anni dopo scopre il giornalismo, e dopo aver scritto per diversi siti web, crea Nerdmonday.

4 comments

  1. Game over scrive:

    Sono molto curioso

  2. Genny ge scrive:

    Sarà qst si ke è una notizia

  3. H 37x Tony scrive:

    Spero che contribuisca nel riscattare la piattaforma Nintendo che comunque ha fatto la storia, e che oggi ha due colossi sopra di lei

Lascia una risposta

Da non perdere

Intervista a Daniele Fabbri

Non dimenticare nulla di importante