Menu

Assassin’s Creed Unity – Guillotine Edition unboxing

La Guillotine Edition è arrivata a casa nostra e non si è persa in qualche bug. Se c’è una cosa che non si può rimproverare a Ubisoft è quella di non saper fare le collectors. Assassin’s Creed Unity è stato un titolo travagliato, che ha avuto bisogno di molti GB di patch per diventare un gioco godibile. La Guillotine Edition, però, dimostra ancora una volta che Ubisoft ci sa fare con le edizioni limitate. 

Tagliategli la testa!

 

Cosa vogliamo dalle collector di Assassin’s Creed? Le statue. La statua di Arno, protagonista dell’ultimo capitolo della saga, è meravigliosa, senza mezzi termini. L’assassino si erge davanti a una ghigliottina, simbolo della Rivoluzione Francese, su cui bisogna montare la bandiera francese. Avete capito bene, il tutto si deve montare, ma non bisogna essere Le Corbusier per venirne a capo. Su un lato si può vedere un secchio con all’interno una testa mozzata, un tocco di classe.

Carillon e mappa di Parigi

 

Uno degli oggetti più sfiziosi della Guillotine Edition è il carillon. Il piccolo orpello musicale suona una melodia abbastanza triste e lugubre grazie a una manovella da girare. Molto ben fatta anche la mappa di Parigi in formato lettera. La chicca è che la lettera è chiusa da un sigillo in vera ceralacca.

Di tutto e di più nella Guillotine Edition

 

Sono presenti tanti altri oggetti in questa collector, citiamo la stealbook, le cartoline e una litografia con tanto di cornice. Per assaporare l’aria di Parigi, guardate il nostro video unboxing a fine articolo.

Foto di Nathalie De Palma – Pagina Facebook

Di Assassin’s Creed Unity esiste anche la Notre-Dame Edition, ma noi di NerdMonday avevamo i soldi solo per una, che ci volete fare, e abbiamo scelto la Guillotine Edition per il nostro unboxing. Possiamo affermare che è una delle migliori che abbiamo mai visto. La statua di Arno è dettagliatissima e la ghigliottina fa venir voglia di tranciare qualche testa.

Redazione di Nerdmonday

Redazione di Nerdmonday

No comments

Lascia una risposta

Da non perdere

Intervista a Daniele Fabbri

Non dimenticare nulla di importante